Abstract del commento a un caso clinico di Maria Bonadies (Direttore Scientifico LYR), inserito all’interno del fascicolo 3/2019 della Rivista PSICOBIETTIVO Franco Angeli, dedicato interamente al tema dell’Identità di Genere.

In questo articolo l’autrice propone una lettura psicoanalitica del caso di Genny. L’autrice partirà da alcune riflessioni teoriche ed esplorative contestualizzate al periodo adolescenziale, epoca di esordio della sintomatologia psicopatologica di G., per provare a scendere più a fondo, attraverso l’uso delle immagini e delle fantasie inconsce, e contattare alcune trame psicologiche e relazionali più precoci della storia di G. che possano aver influenzato il rapporto con il suo corpo e la formazione della sua identità. Mettere a fuoco il ruolo delle fantasie inconsce consente all’analista di cogliere la complessità delle interazioni tra psiche, soma e cultura, e rappresenta un passaggio fondamentale perché il paziente possa integrare la sua Ombra, intesa come le parti scisse, pericolose, rifiutate della propria persona. L’autrice sottolinea come l’ascolto analitico junghiano possa accogliere la piena sofferenza di un paziente portatore di un “trauma grave di genere”, dar voce alle sue ferite più profonde, in particolare quelle della disforia legata al corpo, e accompagnarlo nel percorso di scoperta del proprio vero Sé. Il percorso di individuazione, obiettivo finale dell’analisi junghiana, sottende la scoperta e la creazione di un modello di identità dialogica, molteplice e per questo unica. Tale visione è particolarmente feconda nell’analisi con pazienti come G. che nella propria esperienza di vita si sono scontrati con una violenta concezione dicotomica del genere e con la costante dolorosa contrapposizione tra la realtà esterna e l’esperienza interna che li ha spinti ad oscurare e proteggere la parte più autentica di sé in una zona inaccessibile a sé stessi e agli altri.

Parole chiave:
• disturbo dell’identità di genere
• disforia di genere
• trauma grave di genere
• corpo
• complesso materno
• individuazione

Per leggere interamente il contributo è possibile consultare: 

– il sito di FrancoAngeli Editore:
https://www.francoangeli.it/riviste/Sommario.aspxIDRivista=120

– o la pagina Facebook:
https://www.facebook.com/Psicobiettivo-La-Redazione215948118853819/

L’immagine corredata è tratta dal libro “Storia di Giulia che aveva un’ombra da bambino.